Il discorso col Santo – Nietzsche

Così parlò Zarathustra secondo me è il libro più importante del XX secolo insieme al Capitale e chi in questo vede una contraddizione probabilmente è perché non li ha letti… A voi il discorso col santo.

Il discorso col Santo

Zarathustra scese da solo dalla montagna e non incontrò nessuno. Ma quando giunse nella foresta, improvvisamente si imbatté in un vecchio, che aveva lasciato la sua capanna per cercare radici nella foresta. E così il vecchio parlò a Zarathustra:
“Non mi è nuovo, questo viandante: molti anni fa passò di qui; ma ora egli è mutato.
Allora portavi la tua cenere sulla montagna: ora vuoi forse portare il tuo fuoco nella valle? Non hai timore del castigo che attende gli incendiari?
Sì, io riconosco Zarathustra. Puro è il suo sguardo, e nella sua bocca non si annida alcun ribrezzo. Non avanza egli come un danzatore?
Zarathustra è cambiato, Zarathustra è divenuto un bambino, Zarathustra si è svegliato: cosa vuoi tu fare con gli addormentati?
Come in mezzo al mare tu vivevi in solitudine, e il mare ti portava sul suo seno. Ahimè, ora vuoi tu scendere a terra? Vuoi tu trascinare il tuo corpo da te stesso?”
Zarathustra rispose: “Io amo gli uomini.”
“Qual è la ragione” disse il santo “per cui mi sono ritirato nella foresta e in solitudine? Non è, forse, perché anch’io ho amato troppo gli uomini?
Ma ora io amo Dio: non amo più gli uomini. L’uomo è cosa troppo imperfetta per me. L’amore degli uomini mi ucciderebbe.”
Zarathustra rispose: “Ma io non parlavo d’amore! Io porto un regalo agli uomini.”
“Non dar loro nulla,” disse il santo “togli piuttosto loro qualcosa e portala via con loro; sarà la cosa migliore che potrai loro fare: purché faccia del bene anche a te!
E se vuoi dar loro qualcosa, non dar più di un’elemosina, e attendi che ti invochino perché tu gliela dia!”
“No,” ribatté Zarathustra “io non do elemosine. Non sono abbastanza povero per farlo.”
Il santo rise di Zarathustra e replicò: “Allora vedi un po’ se accettano i tuoi tesori! Sono diffidenti verso gli eremiti e non credono che la nostra missione sia dl distribuire loro doni.
I nostri passi risuonano troppo solitari per le vie. E come quando di notte, stando nei loro letti, sentono un uomo camminare assai prima che il sole sorga, certamente si domandano: dove va quel ladro?
Non recarti tra gli uomini! Rimani nella foresta!
Va’ piuttosto tra gli animali! Perché non vuoi tu essere come me, orso tra gli orsi, uccello tra gli uccelli?”
“E che fa mai il santo nella foresta?” chiese Zarathustra.
Il santo rispose: “Compongo canzoni e le canto, e quando compongo canzoni, rido, piango e borbotto fra me stesso. Così innalzo le mie lodi a Dio.
Cantando, piangendo e rimuginando fra me, io lodo quel Dio, che è mio Dio. Ma tu qual regalo ci porti?”
A questo punto Zarathustra salutò il santo e disse:
“Che cosa posso darvi? Lasciatemi andare, piuttosto, prima che vi tolga qualcosa!” Così si separarono l’uno dall’altro, il vecchio e l’uomo, sorridendo come sorridono due fanciulli.
Ma quando Zarathustra fu solo, così parlò al suo cuore: “E mai possibile? Questo vecchio santo nella sua foresta non sa ancora che Dio è morto.”

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...