Amori in panchina

copertina_amori

In occasione della pubblicazione di Amori in Panchina, vi regaliamo l’incipit, enjoy.

 

Amori in panchina

 

A Torino, proprio alle spalle di Palazzo Reale, ma fuori delle mura, c’è un piccolo parco.

Si racconta che ai tempi d’oro della reggia, in quella piccola isola verde si consumassero le vicende e le passioni degli amanti che cercavano riparo dagli sguardi indiscreti.

A ricordo di quei tempi appasionati restano una vecchia fontana in pietra e cinque panchine disposte a semicerchio. Si dice che proprio dove oggi si trova la panchina centrale, davanti alla fontana di pietra, sorgesse una quercia maestosa dove si sono uniti, divisi e coccolati amanti clebri come Napoleone e Giuseppina, Garibaldi e la sua Anita, e tanti semplici sudditi che si incontravano sotto i rami poderosi dell’antico albero, trasformando la quercia in una specie di santuario laico dell’amore.

Oggi la quercia non c’è più, ma, a sentire chi di cose come queste se ne intende, pur essendo cambiati gli anni e molto anche il paesaggio, il parco continua a emanare una strana energia, attraendo storie romantiche ogni giorno, proprio sulla panchina che ha sostituito la poderosa quercia dell’amore. Dato che spesso delle voci è meglio diffidare, conviene sedersi su una delle altre tre panchine, vedere che succede in un normale pomeriggio e capire se è vero quello che dicono: che l’amore resta anche lui impigliato nell’aria e impastato nelle cose.

Comprare il libro qui
Comprare ebook qui

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...