Il Gatto – Baudelaire

Esistono autori che non sono semplicemente esseri umani, ma puro soffio di genio. Baudelaire è uno di questi e le parole per definirlo semplicemente non esistono. Per fortuna però esistono le sue di parole.

Da Spleen e Ideale ne I Fiori del male: Il gatto.

Il Gatto

Vieni, mio bel gatto, sul mio cuore innamorato; ritira le unghie nelle zampe, lasciami sprofondare nei tuoi occhi in cui l’agata si mescola al metallo. 

Quando le mie dita carezzano a piacere la tua testa e il tuo dorso elastico e la mia mano s’inebria del piacere di palpare il tuo corpo elettrizzato,

vedo in spirito la mia donna. Il suo sguardo, profondo e freddo come il tuo, amabile bestia, taglia e fende simile a un dardo, e dai piedi alla testa

un’aria sottile, un temibile profumo ondeggiano intorno al suo corpo bruno.

Leggere il libro qui

Comprare il libro qui

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...